BIOGRAFIA DI JOHN NORUM

 

I PRIMI ANNI

IL SUCCESSO MONDIALE LA CARRIERA SOLISTA IL NUOVO MILLENNIO

 

Clicca dove sottolineato per saperne di più sull'argomento (disponibile a breve)

(clicca qui per la parte precedente)

Ma John decise che ne aveva abbastanza dell’etichetta di belloccio, dei play-back, degli spettacoli televisivi ecc., e comunicò alla band che se ne sarebbe andato. Concesse agli altri il tempo sufficiente a trovare un sostituto. Kee Marcello divenne il nuovo chitarrista. L’ultimo spettacolo live di John fu il concerto che si tenne ad Amsterdam il 31 ottobre 1986. Lo show fu trasmesso in diretta su Sky. Il primo novembre John se ne andò per la sua strada.

Immediatamente dopo aver lasciato gli Europe, John formò una nuova band. Il suo amico e bassista Marcel Jacob (ex Power, Yngwie Malmsteen e Talisman) si unì a lui. Il primo singolo "LET ME LOVE YOU" fu distribuito il 16 ottobre 1987 (raggiunse il secondo posto nelle classifiche svedesi), e il 29 dello stesso mese uscì "TOTAL CONTROL". John mostrò il suo grande affetto per Phil Lynott e i Thin Lizzy registrando le canzoni dei Lizzy nei lato-B. La band era composta, oltre a John e Marcel, dai batteristi Henrik "Hempo" Hildén (ex-Trash) e Peter Hermansson (220 Volt), il cantante Göran Edman (ex-Madison e Glory) e Mats Lindfors alla chitarra ritmica e alle tastiere. "TOTAL CONTROL" è dedicato a Tommy Östervik, uno degli amici e mentori di John, che morì annegato la stessa notte in cui gli Europe fecero lo show che fu poi trasmesso alla televisione svedese. Il tour iniziò il 2 febbraio 1988 e terminò il 19 marzo, supportando Ace Frehley all’Hammersmith Odeon di Londra (parte di questo show divenne poi l’album "12 PICKS" di Ace Frehley). Altri due singoli e videoclip furono distribuiti per promuovere l’album: “LOVE IS MEANT (TO LAST FOREVER)” e “BACK ON THE STREETS”.

Glenn Hughes (Deep Purple) si unì a John Norum con l’intenzione di dar vita ad una coppia musicale stabile - Hughes/Norum – secondo quanto riportato in un’intervista per la rivista musicale svedese Okej raccolta dal giornalista Anders Tegner, che presentò Glenn a John a Londra. John and Glenn iniziarono ad esibirsi con gli altri membri della band di Norum. Glenn faceva sia da cantante che da bassista. John, Glenn, Mats and Hempo suonarono live solo in uno spettacolo che si tenne al Rock SM il 21 maggio 1988 e che fu trasmesso alla televisione nazionale svedese. La scaletta comprendeva "I Got Your Number", "Reach For The Sky" e "Still The Night". Le prime parole di Glenn salendo sul palco furono “…è passato tanto tempo ma è fantastico essere tornato. Ed ora lasciate che vi presenti il mio nuovo partner, John Norum. Fantastico, non credete?”. Ma a causa della battaglia di Glenn ancora in corso contro l’abuso di sostanze, la collaborazione tra i due non fiorì e quell’apparizione rappresentò la fine del progetto. Due mesi dopo, John suonò con Yngwie Malmsteen in qualità di ospite nell’album di Tone “THIS TIME”, che fu prodotto ancora una volta da Joey Tempest. Marcel e Göran furono chiamati ancora per un tour di fine estate nella Svezia settentrionale e in Norvegia.

Nel 1988 John entrò in contatto per la prima volta con Don Dokken; nel settembre del 1989 John si trasferì a Los Angeles e divenne il nuovo chitarrista dei Dokken. Tuttavia a Don non fu permesso di utilizzare il suo nome di famiglia per la band, e l’album divenne un album di Don Dokken. " UP FROM THE ASHES" fu distribuito nel 1990, e lo seguì un tour in Giappone. La formazione includeva anche l’ex-bassista degli Accept Peter Baltes. Furono distribuiti due singoli e due videoclip per promuovere l’album: “MIRROR MIRROR” e “STAY”. Nello stesso anno, la CBS rilasciò il mini-album "LIVE IN STOCKHOLM", con tre tracce ("Eternal Flame", Don't Believe A World" e "Blind") registrate live nel marzo del 1988 e una traccia ("Free Birds In Flight") registrata nel 1987. John fece inoltre una breve apparizione con Don nel primo film da produttore di Tommy Chong, "FAR OUT MAN" (conosciuto anche come “SOUL MAN II”). Come risultato della collaborazione con Glenn Hughes, furono editi nel 1992 i due album "L.A. BLUES AUTHORITY" e "FACE THE TRUTH". La maggior parte della parte vocale in “Face The Truth” fu gestita da Glenn. Hempo Hildén di nuovo provvide alla batteria, sebbene  partecipasse anche Mikkey Dee, l’uomo dei Mothörhead. L’album comprendeva anche una fedele cover di “Opium Trail” dei Thin Lizzy. Nella versione europea di "Face The Truth" c’è anche "WE WILL BE STRONG", un duetto con Joey Tempest  - con Peter Baltes di nuovo al basso – che fu edito come primo singolo e di cui fu girato un videoclip. Con una corretta campagna promozionale sarebbe potuta essere una hit in tutto il mondo… Ma qualcuno ci mise il coperchio, i successi non furono mai cosa per lui… Uscirono altri due singoli: “FACE THE TRUTH” e “IN YOUR EYES”.

Nel 1992 Joey girò attorno a John per un bel po', gli Europe si erano divisi (o si erano presi una lunga pausa, come preferivano dire) e Joey avrebbe voluto riunire la formazione originale della band. John non aveva progetti in quella direzione, gli piaceva la California tanto quanto la vita da artista solista ed indipendente; sottolineò i benefici dello stare da solo: prendere decisioni per il proprio materiale, per le direzioni da prendere, per i musicisti e fare tutto seguendo i propri ritmi. E così fu, per entrambi. In agosto John si ritrovò sul palco con Joey al Waterfestival a Stoccolma. Uno si sarebbe aspettato che fossero annunciati, ma successe tutto all’improvviso, così ancora oggi nessuno sembra esserne a conoscenza. John non tornò in Svezia fino a gennaio 1994, quando si unì ad alcuni musicisti rock svedesi per un tour di 10 giorni "The Boys Are Back In Town", che cominciò il 4 a Stoccolma e terminò il 14 a Malmö. Suonarono ogni sorta di classici rock, inclusi "The Sun Goes Down", "Don't Believe A Word" e "Bad Reputation" dei Thin Lizzy. Suonarono anche "People Get Ready" del repertorio di  Jeff Beck e Rod Stewart, per dirne alcuni. Nel 1994 partecipò come chitarrista all’album “BUILT TO PERFORM” delle Phantom Blue, (con la sua ragazza Michelle Meldrum, chitarrista principale, che nel 1995 divenne sua moglie) e nell’album tributo ai Deep Purple "SMOKE ON THE WATER - A TRIBUTE" in cui suonò "Stormbringer" con Glenn Hughes alla voce. A luglio, registrò il suo terzo album da solista, "ANOTHER DESTINATION", con Kelly Keeling (dei Baton Rouge e Blue Murder), il bassista dei Fleetwood Mac Tom Lilly e l’ex-batterista di Gary Moore Gary Ferguson. L’album fu distribuito in Giappone nel luglio del 1995, preceduto da un solo singolo che divenne anche un videoclip, "STRANGE DAYS”. E fu di nuovo tempo di tornare in Svezia. Il tour iniziò il 31 marzo a Göteborg e li portò in giro per la nazione. Con John c’erano Kelly Keeling e Michelle Meldrum, la quale suonò con gli altri in "Bad Reputation". John Levén degli Europe suonava il basso e Niclas Sigevall degli Electric Boys la batteria.

Nell’agosto del 1995, al concerto tributo che si tenne a Los Angeles al The Palace, John suonò con Carmine Appice (ex-King Cobra, Blue Murder ecc). John registrò "Massacre" per l’album tributo ai Thin Lizzy "THE LIZZY SONGS - A TRIBUTE TO PHIL LYNOTT" (uscito poi nel 1997). Nello stesso anno, John registrò "Right To Respect" per il singolo e l’album da solista di Joey Tempest "A PLACE TO CALL HOME". Sorprendentemente poi John avrebbe dovuto collaborare con gli uomini chiave degli UFO Phil Mogg e Pete Way nel tardo 1995 in seguito all’allontanamento di Michael Schenker. Il legame fu breve a causa dell’imposizione da parte di Schenker del contratto stipulato per cui la band poteva chiamarsi UFO solo con la sua presenza. E il tour "Walk On Water" andò a monte.

Nel 1996 registrò "Cold Gin" per l’album tributo "SPACEWALK - A SALUTE TO ACE FREHLEY". Nello stesso anno, il 21 dicembre, uscì in Giappone "WORLDS AWAY" (con Kelly Keeling e Peter Baltes di nuovo a bordo); l’album fu edito in Svezia dalla Svensk Musik Distribution (M-D) il 16 maggio 1997 e "WHERE THE GRASS IS GREEN" uscì come singolo a supporto dell’album. John Norum iniziò un pre-tour a Karlskrona, in Svezia il 24 aprile 1997. Una delle quattro date si tenne a Upplands Väsby. Alla fine del 1997 John lavorò ancora per breve tempo con Don Dokken, dopo che George Lynch lasciò la band: andò negli Stati Uniti per un mese, per concludere il tour. John mise insieme una band live per un tour giapponese, questi spettacoli furono registrati per l’album “FACE IT LIVE '97”. Assieme a lui sul palco c’erano il cantante del  Michael Shenker Group e dei Great King Rat, Leif Sundin e il suo compagno nei Great King Rat Anders Fästader (precedentemente noto come Anders Nilsson). "FACE IT LIVE '97" fu edito dalla Zero in Giappone. L’album uscì più tardi anche in Svezia, ma ancora una volta, una promozione condotta malamente lo danneggiò. La Shrapnel tolse tre tracce e lo pubblicò negli Stati Uniti. Nello stesso anno, in ottobre, uscì "CHANNEL MIND RADIO GUITAR ZEUS 2" di Carmine Appice, in cui John suonò "Nothing".

Nel 1998 John girò la Svezia con il John Norum Group (JNG). Quasi si ritrovò in tour con gli UFO col nome di Lights Out, ma appena la voce giunse all’orecchio di Michael Schenker, questi tornò nella band. 

Il JNG era composto da: Hempo Hildén alla batteria, Leif Sundin alla voce, Anders Fästader al basso e John alla chitarra. Il 5 giugno John suonò allo Sweden Rock Festival a Karlshamn. Nello stesso mese e per un’unica data, Ian Haugland fu il batterista e Stefan Rodin il bassista. Lo stesso anno, John registrò due canzoni per l’album "ABOVE & BEYOND" dei Midnight Sun, un gruppo metal svedese.

Nel marzo del 1999, durante il tour italiano, il batterista Thomas Broman e il bassista John Léven si unirono al JNG. In agosto, John suonò come chitarrista ospite con Brian "Robbo" Robertson (Thin Lizzy, Mothörhead, Wild Horses) nell'ultimo concerto dei Lotus a Sala (Svezia). Nello stesso mese, con la moglie Michelle, Robbo, Leif Sundin e Marcel Jacob, John suonò in una magnifica jam session all'Anchor Pub a Stoccolma. Tra il 1999 e il 2000 la formazione cambiò ancora, con Thomas Broman e Leif Sundin membri confermati e come ospiti il chitarrista Fredrik Åkesson e Marcel Jacob alternato a John Levén al basso. Nel giugno del 1999 John suonò dal vivo con i Motörhead come ospite d'onore allo Sweden Rock Festival a Norje, e suonò l'ultima canzone della scaletta, "Killed By Death".

In agosto, John girò la Finlandia e la Svezia, con i Five Fifteen e i Lotus. John fu l'artista ospite dell'ultimo concerto a Sala, in Svezia. In verità i Lotus erano tecnicamente un trio, ma per quell'ultima performance, la band di sette anni arruolò l'ex-chitarrista dei Thin Lizzy Brian Robertson  e il guitar hero norvegese John Norum fece una breve apparizione in "Peace in Mind".  A ottobre, durante la festa per l'uscita dell'album dei Lotus "A Taster For The Big One" a Valand, a Gothenburg, "Gonna Creep Up On You" dei Lizzy fu una delle parti brillanti del concerto e ancora una volta John suonò la chitarra nei bis. Nel frattempo, fu distribuito in Giappone l'album di John "SLIPPED INTO TOMORROW". John inoltre registrò "Eighteen" per l'album tributo "HUMANARY STEW - A TRIBUTE TO ALICE COOPER". (clicca qui per la parte seguente)

 

* sorvoliamo J

Biografia scritta dalla Webmistress. Informazioni prese da siti musicali verificati.

 

 

  MAINPAGE

  Discography

  Photo Galleries

 Multimedia

  Instruments

  Tablatures

  News

  Events

  On Tour

  Messageboard

  Guestbook

 Contacts-Links

 

 

Free blog counter